Turismo: ‘Tend’ a Matera tra dati, provocazioni e opportunità

[epvc_views]

Paradossi ma anche opportunità dalla lettura dei dati generali sull’aumento dei flussi turistici a Matera, dopo l’esperienza di Capitale europea della cultura 2019 che ha fattto della Città dei Sassi una delle mete più frequentate del turismo internazionale e ”biglietto da visita” della Basilicata sul mercato delle vacanze.

A dirlo il progetto pilota Tourism Enthusiasm by Data (Tend), presentato a Matera, che si propone di rivelare – attraverso manifesti e cartoline di una campagna pubblicitaria ironica e provocatoria – i dati su turismo e sviluppo del territorio a Matera, attraverso un approccio innovativo che integra arte pubblica, comunicazione urbana e data journalism.

Un invito alla sostenibilità con la riflessione sui temi trattati sui manifesti: ”A Matera con la cultura non si mangia, però ci sono molti più ristoranti” o ” Bella Matera, ma non ci vivrei… Ah, non ci vivo proprio” con riferimenti alla gestione dell’offerta culturale o alla difficoltà a trovare alloggi e ai costi di mercato’. “Obiettivo del progetto è quello di aprire una discussione – hanno detto gli organizzatori – è quello di avviare un ragionamento su argomenti di cui si parla poco o niente nel dibattito pubblico. Matera ha una grande occasione: mettere insieme imprese, cittadini e politica per pensare un futuro del turismo diverso. E partire dai dati può essere una strada”.

Contributi al dibattito sono venuti, nel corso della presentazione, da Fabio Ciaravella, curatore tra arte e ricerca, e delle manager delle tre imprese turistiche coinvolte nel progetto: Marianna Dimona (Hotel del Campo), Rossana Gaudiano (Palazzo del Duca), Cristina Amenta e Vania Cauzillo (Ecoverticale), da Paolo Montemurro, direttore del consorzio Materahub, soggetto ideatore e coordinatore del progetto, e da rappresentanti del cluster Basilicata Creativa, partner di progetto e da Stefania Clemente, esperta di sviluppo prodotto turistico. Tend fa parte del progetto CulTourData, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Cosme , che vuole stimolare un maggior uso dei dati e favorire la digitalizzazione delle aziende turistiche, promuovendo una collaborazione tra imprese, artisti, creativi e data expert. (Fonte: Ansa)

News dal Network

Promo