Siccità, Cia agricoltori Basilicata: “allarmante carenza idrica nelle dighe”

[epvc_views]

‘La disponibilità di acqua nelle principali dighe lucane ad oggi è di circa 200 milioni di metri cubi in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno 2023. Tali risultanze sono particolarmente allarmanti soprattutto per il settore agricolo e per gli effetti negativi che si potrebbero ripercuotere sugli areali asserviti”. Così la Cia Agricoltori di Potenza e Matera che chiede interventi urgenti alla Regione, a cominciare da una cabina di regia per gestire l’emergenza.

”La situazione preoccupa molto gli agricoltori anche in ragione del fatto che i livelli d’invasamento registrati ad oggi sono i peggiori degli ultimi 15 anni – aggiunge la sigla agricola – bisogna ritornare al 2008 per registrare livelli di invasamento al di sotto di quelli presenti oggi”.

Per la Cia, ”considerate le temperature in atto e le previsioni che tendono a confermare ulteriori settimane con modestissimi indici di piovosità è necessario assumere ogni utile soluzione volta a favorire un uso razionale e mirato dell’acqua”. Per questo la Cia chiede che ”si autorizzi il Consorzio di bonifica ad effettuare tutte le manovre e le operazioni di spostamento-scarico di volumi di risorse attivabili fra gli schemi lucani in modo da poter compensare esigenze e disponibilità con manovre di integrazioni fra areali del territorio lucano. Questo – spiega – permetterebbe di affrontare e risolvere alcune situazioni emergenziali in particolare negli areali asserviti dalla diga di San Giuliano che oggi presentano situazioni di evidenti difficoltà, intervenire per risolvere alcune evidenti criticità negli areali della Valle dell’Agri e l’area del Vulture Lavellese. Come Cia Agricoltori chiediamo che venga istituito il tavolo di crisi per la gestione della risorsa idrica a cui far partecipare anche le organizzazioni professionali agricole maggiormente rappresentative”.

News dal Network

Promo