Convegno a Policoro sulla tutela dei minori

39 Visite

L’evento è stato organizzato in collaborazione con le sezioni Fidapa di Tursi, Marconia- Pisticci e Salandra e patrocinato dalla Fidapa BPW Italy Distretto Sud Est. 

Ad aprire i lavori Elisabetta Grande, presidente Fidapa BPW Italy Distretto Sud Est a cui hanno fatto seguito gli interventi dell’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Policoro, Cinzia Mastronardi, della commissaria di Parità e Pari Opportunità della Regione Basilicata, Carmen Olivieri, del presidente Confcooperative Basilicata, Giuseppe Bruno, della consigliera di Parità della Provincia di Potenza, Simona Bonito e della responsabile Task Force Diritti Umani Distretto Sud Est, Sara Paganelli. Keynote speaker, Raffaele Izzo, responsabile Partnership Fondazione Terre des Hommes Italia, il quale ha presentato i dati del Dossier InDifesa sui reati a danno dei minori, con un particolare report relativo ai dati in Basilicata.

A darne notizia il garante regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Vincenzo Giuliano.

Alle relazioni ha fatto seguito una tavola rotonda degli enti del Terzo Settore a cui hanno preso parte gli stakeholders delle realtà territoriali. Il Garante regionale dell’Infanzia e dell’adolescenza di Basilicata, Vincenzo Giuliano, ha ritenuto necessario puntare l’attenzione sull’importanza di attività di prevenzione di condizioni di abuso e maltrattamento a partire dall’istituzione scolastica.

«Nessun bambino dovrebbe mai subire violenza – ha affermato Giuliano – né fisica e né psicologica, purtroppo, ogni giorno, la cronaca riporta storie di violenza, di abusi, di maltrattamenti addirittura compiuti in famiglia o da adulti di riferimento: istruttori, animatori, volontari. E sono in aumento casi di violenza di genere tra coppie di adolescenti e di giovanissimi tanto che, a volte, si fa fatica a riconoscerla perché assume forme diverse. Occorrono interventi preventivi e di contrasto – ha continuato il Garante – soprattutto nei settori dove i minorenni sono più esposti al rischio di maltrattamenti o abusi. Bisogna investire di più sull’educazione al rispetto, alla tolleranza, alla non violenza e la scuola deve porsi come modello di atteggiamenti e comportamenti e mediare divergenze e contrarietà. Viviamo in una società in cui l’autoregolamentazione la fa da padrona – ha concluso Giuliano – e la cronaca è piena di esempi, di situazioni conflittuali in cui il rancore o la rabbia esplodono in modo drammatico: nella coppia, tra colleghi di lavoro, tra vicini di casa e per giunta tra sconosciuti. Bisogna fare in modo che i ragazzi imparino a litigare. Chi non sa litigare corre dei rischi: in situazione di conflitto potrebbe rispondere con la violenza, perché questa è la strada più semplice: eliminare chi crea il problema».

La presidente Fidapa BPW Italy Sezione di Policoro, Antonella Magno, nel corso del suo intervento ha affermato: «Riteniamo sia necessario puntare l’attenzione sull’abuso e maltrattamento all’infanzia e all’adolescenza, fenomeno molto spesso sommerso e misconosciuto, attraverso momenti di sensibilizzazione rivolti alla cittadinanza tutta e non solo agli operatori del settore, al fine di prevenire e contrastare fenomeni di violenza a danno dei minori e stereotipi di genere. Ci onora ospitare nel nostro territorio la Fondazione Terre des Hommes in quanto impegnata da circa sessanta anni a livello nazionale ed internazionale al fine di proteggere i bambini di tutto il mondo da ogni forma di violenza o abuso, garantire a ogni bambino il diritto alla salute, istruzione e libertà, senza alcuna discriminazione di carattere religioso, etnico, politico o di genere».

La conclusione dei lavori è stata affidate ad Eufemia Ippolito, BPW International Executive Finance Officer 2021-2024, la quale ha ribadito l’impegno della Fidapa a livello mondiale sulla tutela dei diritti umani.

News dal Network

Promo