Al Crob di Rionero un nuovo metodo di ricerca dei tumori

35 Visite

Un metodo innovativo di individuazione e monitoraggio dei tumori che si focalizza sulle vescicole extracellulari, frutto dello studio delle ricercatrici dell’Irccs Crob di Rionero in Vulture (Potenza) – Antonella Caivano, Luciana De Luca, Ilaria Laurenzana, Daniela Lamorte e Stefania Trino – sarà presentato mercoledì 22 maggio, nell’Istituto lucano che ne ha depositato il brevetto.

    Si tratta di nuovi biomarcatori, metodi diagnostici che consentono di individuare e monitorare i tumori, basati su particelle piccolissime rilasciate in circolo da tutte le cellule, anche da quelle tumorali ed il metodo studiato consente di ottenere preziose informazioni dalle loro analisi.

    “Dopo aver isolato e analizzato le vescicole siamo in grado di distinguere quando la patologia tumorale è in atto, il tutto con notevoli vantaggi per i pazienti che possono avere una diagnosi attraverso un semplice prelievo ematico”, ha spiegato Caivano.

“Siamo orgogliosi – ha concluso il direttore generale del Crob, Massimo De Finodi poter presentare questa nuova invenzione”. (ansa)

News dal Network

Promo