Chiorazzo: Problemi sanità grandi come bugie governatore

59 Visite

«Se un governo politicamente amico, quale è quello del centrodestra che ha appena riconfermato Bardi, è costretto a commissariare la sanità lucana, pur nominando lo stesso presidente di Regione commissario per l’approvazione dei bilanci da ripianare delle aziende sanitarie, vuol dire che i problemi della nostra sanità sono grandi almeno come le bugie che ci ha detto il nostro governatore in campagna elettorale».

E’ quanto afferma il consigliere Angelo Chiorazzo di Basilicata Casa Comune, eletto nelle recenti consultazioni regionali.

«Alla guida di una Giunta in prorogatio – continua Chiorazzo – si stanno svolgendo, infatti, una serie di manovre finanziariamente spericolate per mettere la polvere del debito sanitario sotto il tappeto di una gestione corrente. Bardi presidente-commissario, dopo aver impegnato i soldi del fondo sociale e quelli delle compagnie petrolifere per ripianare i disavanzi, esattamente come avevamo previsto, si trova a contrastare i dubbi dei tecnici nazionali sul fatto che i fondi delle compensazioni, che maturerebbero in futuro, possano essere considerati ‘liquidi ed esigibili’ come prevedono le norme  e sta compulsando le compagnie petrolifere perché si prestino ad effettuare bonifici in anticipo, esponendosi alla richiesta di chissà quali contropartite. Inoltre – aggiunge Chiorazzo – si sta pensando di far dimagrire i consuntivi 2023 spostando partite alla gestione dell’anno corrente, scontrandosi col fatto che un bilancio regolare di fine d’anno dovrebbe fotografare una situazione di fatto, e non una programmazione. Motivo per il quale spese e impegni di spesa non sono opinabili: o ci sono stati o non ci sono stati».

«Vedremo cosa riusciranno a fare Bardi ed il suo cerchio magico. Noi stiamo a guardare con una preoccupazione che è doppia. Anche perché, intanto – puntualizza Chiorazzo – il principale autore di questo disastro, bocciato alle urne, è stato proposto come sindaco di Potenza, una città che ha già conosciuto due dissesti e che, dopo la fallimentare gestione Guarente, finanziariamente non se la passa granché bene; non vorremmo – conclude il neo consigliere regionale – che lo avessero fatto per individuare un esperto in termini di debiti e conti fuori controllo».

News dal Network

Promo