Infortuni, Uil Basilicata: “priorità sicurezza per arrivare a zero morti sul lavoro”

56 Visite

”In cima alla lista del nostro impegno c’è la sicurezza, la sicurezza che i lavoratori possano tornare a casa, dalle loro famiglie, e non rischiare ogni giorno la vita. Noi non accetteremo mai che una vita umana possa valere 20 crediti. Lo abbiamo detto solo due settimane fa in occasione del Primo Maggio e lo ribadiamo dopo la nuova tragedia con la morte di un operaio a Pignola”. Così la Uil Basilicata in una nota a firma del segretario regionale Vincenzo Tortorelli dopo la morte di un operaio di 55 anni, avvenuta ieri pomeriggio in una cava di inerti a Pignola, in provincia di Potenza. Sulla dinamica sono ancora in corso accertamenti. ”Dobbiamo sconfiggere il silenzio della morte, quel silenzio e quella solitudine che restano dopo la tragedia nelle famiglie che l’hanno subita”, ha aggiunto.

La Uil insiste con una richiesta al Governo di ‘‘aprire un confronto, insieme alle parti datoriali e ai ministri interessati, affinché quello della sicurezza sul lavoro diventi la priorità del Paese: nessuna vita può essere sacrificata per il profitto. Le nostre proposte – aggiunge Tortorelli – sono note: più ispettori, più ispezioni, no agli appalti a cascata, uniformità delle norme in materia di appalti tra pubblico e privato, istituzione di una Procura speciale e dell’omicidio per violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro, perché se sono stati manomessi i dispositivi di sicurezza non si può parlare di incidenti ma, appunto, di omicidi. Continueremo la nostra battaglia fino a quando non arriveremo a zero morti sul lavoro”.

News dal Network

Promo