Matera. Tentato omicidio e rapina: fermato 23enne di Marconia di Pisticci

[epvc_views]

 Lo scorso 10 aprile si introdusse in casa di un 65enne di Marconia di Pisticci (Matera), sottoposto agli arresti domiciliari, minacciando il proprietario di casa con un coltello e pretendendo che lo stesso gli consegnasse la somma di 100mila euro. Tra i due si accese una discussione, a cui seguì una violenta aggressione. La vittima venne più volte accoltellata, al diaframma e al cuore, e trasportata d’urgenza all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera, dove venne sottoposto a un delicato intervento chirurgico, permanendo nel reparto di terapia intensiva in prognosi riservata. Intanto, dopo aver ridotto in fin di vita la vittima, l’aggressore si impossessò della somma di mille euro in contanti che la vittima aveva lasciato sopra il tavolo della cucina per poi fuggire. Il presunto autore dei fatti è stato individuato.

Si tratta di un 23enne residente a Marconia di Pisticci sottoposto a fermo dalla polizia di Matera, su disposizione della Direzione distrettuale Antimafia di Potenza, per i reati di tentato omicidio e rapina, aggravati dal metodo mafioso. Durante l’esecuzione del provvedimento, gli agenti hanno sottoposto a sequestro l’arma del delitto, recuperata in un’area di campagna, all’interno di una borsa a tracolla, con gli indumenti indossati dall’indagato durante il raid. “Il grave episodio criminale – viene precisato dagli investigatori – si inserirebbe all’interno di dinamiche connesse allo spaccio di droga e le modalità con cui è avvenuto il delitto sarebbero riconducibili a dinamiche e logiche tipiche del metodo mafioso”. L’indagato è stato accompagnato nel carcere di Matera, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

News dal Network

Promo