A Vietri di Potenza un altro intervento di arte urbana

40 Visite

E’ stato completato a Vietri di Potenza “un nuovo intervento di arte urbana grazie a un progetto voluto dall’amministrazione comunale, avviato sin dal 2020, che porta la firma dell’artista Antonino Perrotta, in arte Attorrep”.

La quinta opera è stata realizzata in viale Tracciolino, sulla facciata di una palazzina, in una zona molto frequentata “che in questi mesi il Comune ha ristrutturato e rivalutato, intervenendo anche sulla nuova Piazzetta Madonna di Viggiano.

Rientra tutto nel progetto ‘I muri della legalità’, inserito nell’Osa Festival ideato proprio dall’artista calabrese”.

    L’opera – denominata “Wonderwall” – mostra un bambino “che – è sottolineato in una nota diffusa dall’ufficio stampa dell’amministrazione comunale – sembra indicare uno di diversi portali dipinti sul muro, ognuno con un paesaggio differente all’interno, uno dei quali sembra avere continuità con il paesaggio circostante, creando un collegamento con le radici e l’appartenenza al proprio territorio. Questi portali illustrano le scelte che si affrontano nella vita, rappresentate queste finestre che danno la possibilità di vedere oltre la realtà che ci circonda.

L’artista apre delle connessioni anche con la ricerca della pace, condizionata dalle scelte che si fanno in un mondo complicato e caotico. Attorrep ragiona sulla possibilità di scegliere il proprio destino nonostante le difficoltà esterne sottolineando il potere che ognuno di noi ha di aprire nuovi orizzonti e scoprire nuove possibilità attraverso le scelte che facciamo. Tutto è racchiuso nella cultura, nell’educazione che formerà un giorno il nostro futuro”.

  «Questa volta – ha detto il sindaco Christian Giordano – abbiamo pensato ad un’opera inedita di arte moderna che, con delicatezza, parlasse anche di “pace”: l’artista Antonino Perrotta l’ha realizzata mettendo al centro i bambini che, in qualsiasi tipo di conflitto, pagano più di tutti il prezzo delle scelte scellerate degli adulti. In questa opera il bambino, grazie alla propria genuinità e autenticità, sceglie la pace». (ansa)

News dal Network

Promo