Consegna attestati Tutori minori stranieri non accompagnati

35 Visite

«Il 29 aprile 2024, al termine del Corso di formazione per 21 aspiranti tutori volontari per minori stranieri non accompagnati organizzato dal Garante regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza di Basilicata, in collaborazione con la Fondazione Don Calabria per il Sociale Ets, si è tenuta nella sala A del Consiglio regionale la cerimonia di consegna degli attestati». 

Lo ha riferito il garante regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Vincenzo Giuliano.

Alla cerimonia, a testimoniare il valore del ruolo del Tutore legale volontario di minori stranieri non accompagnati, erano presenti il vice prefetto, Ester Fedullo, il giudice del tribunale dei minori, Emiliano Mistrulli, il presidente dell’Associazione Lucana di Tutori Volontari di Minori Stranieri non Accompagnati, Alessandra Noce.

Giuliano ha sottolineato «L’importanza della sinergia tra il Tribunale dei minori di Potenza, le Prefetture di Potenza e Matera, le strutture di accoglienza e l’Associazione dei tutori che negli anni si è consolidata favorendo l’inclusione ed integrazione dei msna presenti sul territorio di Basilicata. Tante le iniziative messe in campo per garantire il giusto dialogo tra le istituzioni, tante sollecitazioni alle istituzioni per rendere più efficace l’inclusione dei msna sottolineando l’importanza dell’affido familiare che maggiormente garantirebbe l’inclusione dei msna ed eviterebbe molti fenomeni di allontanamento. Un’attenzione anche ai rimborsi per i tutori con l’elaborazione e condivisione di un Vademecum per rendere attuativo il decreto 8 agosto 2022: modalità di richiesta e rendicontazione dei rimborsi afferenti l’attività di tutore volontario grazie al quale è possibile ottenere il rimborso delle spese di viaggio e l’ equa indennità  per spese particolarmente onerose che abbiano caratterizzato la tutela. Un importante tassello aggiunto ai diversi obiettivi dell’Ufficio del Garante regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza». 

Nel suo intervento il giudice Mistrulli ha evidenziato «l’importanza della figura del Tutore proprio per garantire ai minori l’assistenza necessaria per la loro piena inclusione. Tanti i msna presenti sul nostro territorio, pochi i tutori disponibili ad assumere la tutela soprattutto in alcune aree, da ciò scaturisce la necessità di trovare nuove sinergie volte ad una maggiore partecipazione”. Mistrulli ha, inoltre, posto in rilievo “l’importanza che il Tutore riveste quale punto di riferimento certo nei disallineamenti fra le dichiarate e le reali collocazioni dei ragazzi». 

Ester Fedullo, ha portato i saluti del prefetto, Michele Campanaro, parlando su “quanto, in tema di accoglienza ed integrazione, sia stato fatto sull’intero territorio e quali le iniziative in campo per nuovi progetti Fami in corso”. 

Alessandra Noce ha marcato «l’importanza del ruolo di Tutore msna quale figura genitoriale sul territorio italiano per ogni minore   e  dell’Associazione lucana dei tutori msna  quale strumento utile a supportare ed accompagnare i tutori nell’esercizio della loro funzione,  attraverso l’applicazione di buone pratiche e la  condivisione di esperienze di tutela, nonché  quale strumento di divulgazione della cultura dell’accoglienza e dell’inclusione grazie ad iniziative sul territorio che spesso vedono i minori stranieri non accompagnati protagonisti».

News dal Network

Promo