L’11 maggio Francesca Lancellotti diventerà Venerabile

44 Visite

E’ fissata per sabato 11 maggio, nella Basilica papale di San Paolo fuori le mura, a Roma, la solenne cerimonia di lettura e consegna del decreto di venerabilità di Francesca Lancellotti, nata a Oppido Lucano (Potenza) il 7 luglio 1917 e morta nella Capitale il 4 settembre 2008.

    La cerimonia prevede la “presentazione delle virtù eroiche della venerabile” e una concelebrazione eucaristica alla quale parteciperà l’arcivescovo di Acerenza (Potenza), monsignor Francesco Sirufo.

Successivamente, nella chiesa di Santa Maria ai Monti è prevista una preghiera sulla tomba della venerabile.

    Francesca Lancellotti manifestò fin da bambina una “spiccata devozione” alla Madonna venerata nel Santuario del Belvedere, a circa tre chilometri da Oppido, dove andava ogni giorno.

    “Costretta dal padre a sposarsi”, contrariamente al suo desiderio di consacrarsi a Dio in un istituto religioso, ebbe due figli che educò insieme al marito “in un clima di amore e serenità”.

La sua “vita di preghiera e la sua “concreta carità, specie durante la Seconda Guerra Mondiale”, attirarono tante persone. Il 7 luglio 1956 ebbe “una straordinaria esperienza mistica” con “la visione dell’Arcangelo Michele” che le disse di trasferirsi a Roma, dove giunse con la famiglia nel 1960, abitando nel quartiere di Primavalle, poi vicino al Pantheon e successivamente in via del Seminario. Partecipò agli “sforzi della diocesi di Roma nell’affrontare la crisi morale e materiale” esistente, dedicandosi “a soccorrere le fragilità di tanta gente bisognosa di aiuto morale e materiale”.

In 46 anni di vita a Roma aiutò tante persone provate dalla vita con i suoi “singolari carismi”, ottenendo anche “eventi straordinari, come guarigioni fisiche e morali”, e trasformando la sua casa in “un punto di riferimento spirituale per la Capitale”. E’ morta il 4 settembre 2008 nell’ospedale San Giovanni: i funerali furono celebrati nella chiesa di Santo Spirito in Sassia “con molta partecipazione di popolo”. (ansa)

News dal Network

Promo