Basilicata: Valvano, “estraneo a fatti contestati, ora più determinato di prima”

35 Visite

«Esprimo stupore per l’esistenza di questa barbara procedura del codice di autoregolamentazione parlamentare che fa strame dei principi costituzionali. I requisiti della candidatura sono stabiliti dalla legge non da un codice che rincorre il populismo giustizialista». Così all’AdnKronos il segretario del Psi in Basilicata, Livio Valvano, candidato alle elezioni regionali in Basilicata del 21 e del 22 aprile nella lista Alleanza Verdi Sinistra-Europa verde-Si- Psi. Le contestazioni si riferiscono al periodo in cui era sindaco di Melfi (dal 2011 al 2021), per fatti avvenuti durante il primo mandato.

«Si tratta di una porcata contro di me – ha detto –. Vado avanti come un treno, nella piena consapevolezza della mia estraneità ai fatti contestati. Si tratta di una vicenda vecchia e chiusa, non c’è nessuna condanna. Il mio certificato del casellario giudiziale è nullo e tale resterà per il futuro. Non provo dolore ma maggiore determinazione, questa è la reazione che sento perché le persone perbene a più di qualcuno danno fastidio. Lotterò con determinazione sempre maggiore, per me, la mia famiglia e per i lucani stanchi delle ingiustizie».

News dal Network

Promo