Basilicata: M5S valuta anche la candidatura di una donna

63 Visite

Sono ore febbrili in Basilicata. La decisione di ritirarsi di Domenico Lacerenza spiazza il campo largo che già faticosamente era riuscito a convergere sul suo nome ma al prezzo di forti malumori che in meno di tre giorni hanno costretto al dietrofront del direttore di Oculistica dell’ospedale di Potenza. Il quadro potrebbe comunque definirsi tra stasera e domani perché i tempi per compilare le liste sono davvero molto stretti. Il termine per il deposito nei Tribunali di Potenza e di Matera è alle ore 12.00 di sabato prossimo.

Secondo fonti locali, il Movimento 5 stelle sta valutando la candidatura di una donna e la scelta può ricadere tra Alessia Araneo, consigliera comunale di Melfi, e Viviana Verri, consigliera comunale di Pisticci e primo sindaco del movimento in Basilicata nel 2016. La scelta di Lacerenza può rimettere in pista l’imprenditore del terzo settore Angelo Chiorazzo, fondatore della coop bianca Auxilium e a capo del movimento civico Basilicata casa comune, che è voluto dalla larga maggioranza del Pd lucano (con tanto di documento della direzione in cui è indicato come ”miglior candidato possibile”) e da altri ambienti legati al centrosinistra. In suo favore ci sono state petizioni on line e appelli pubblici. Azione terrà la ‘suspence’ sino a domani mattina quando il leader Calenda (oggi a Matera e domani a Potenza) e l’ex governatore Marcello Pittella comunicheranno le decisioni.

Anche Pittella era in lizza per la scelta di una candidatura bis, forte del 10 per cento delle Politiche e della decisione giudiziaria a sua favore con l’assoluzione anche in secondo grado dalle accuse nell’inchiesta sulla sanità che nel 2018 lo portarono agli arresti domiciliari e nel 2019 alle dimissioni poco prima delle elezioni regionali poi vinte da Bardi e dal centrodestra.

News dal Network

Promo