Pagamenti: report, in Italia il contante è il più amato, lo preferisce 37% italiani

37 Visite

Il contante è il mezzo di pagamento preferito dagli italiani, secondo il 13esimo Rapporto sulle Tendenze dei Mezzi di Pagamento presentato da Minsait Payments. Sebbene il 53% degli italiani preferisca pagare con mezzi di pagamento elettronici aggregando carte di debito, di credito, prepagate e digital wallet, l’utilizzo del contante resta saldo sul gradino più altro del podio: nel 2023 è stato il mezzo di pagamento preferito dal 37,4% della popolazione, facendo addirittura registrare un aumento del 6% rispetto al 2022. L’Italia ha il tasso di preferenza del contante più alto tra tutti i Paesi analizzati in Europa: Spagna e Portogallo fanno registrare, rispettivamente, un utilizzo pari al 30,9% e 23,1%. Anche nel Regno Unito il contante viene preferito come strumento di pagamento dal 30,7% della popolazione. Fuori dal nostro continente, nel mondo solo Colombia (42,2%) e Messico (41%) hanno tassi di utilizzo maggiore del denaro liquido.

Secondo il rapporto di Minsait, per gli acquisti in presenza l’utilizzo delle carte di debito è rimasto stabile (29,8% nel 2023 rispetto al 29,5% nel 2022) mentre è calato l’utilizzo di carte di credito (9,4% nel 2023 rispetto al 12,3% nel 2022) e dei digital wallet (4% nel 2023 rispetto al 10,1% nel 2022). Ha fatto registrare un aumento l’utilizzo di carte prepagate, utilizzate dal 9,9% rispetto al 6,3% dello scorso anno. Addebiti diretti e bonifici istantanei sono, rispettivamente, il mezzo di pagamento preferito del 3,8% e del 4,8% degli italiani.

In relazione agli acquisti online il mezzo di pagamento più utilizzato è la carta prepagata (22,4%) in crescita rispetto allo scorso anno (+2,9%) e ampiamente più utilizzata rispetto alla media europea, che si attesta intorno al 7%. Seguono digital wallet (18,7% nel 2023 rispetto al 26,1% nel 2022), addebito diretto in conto (18,5% nel 2023 rispetto al 6,4% nel 2022), carta di credito (13,2% nel 2023 rispetto al 14,6% nel 2022), carta di debito (11,9% nel 2023 rispetto al 16,6%) e bonifico istantaneo (3,6% nel 2023 rispetto al 5,9% nel 2022). “Nonostante gli sforzi fatti nel periodo pandemico e post pandemico, il contante torna ad essere lo strumento di pagamento preferito da oltre un italiano su tre. Dobbiamo certamente considerare l’impatto indotto nel paese dall’incremento del tetto di utilizzo del contante a inizio 2023, quindi nel 2024 sarà essenziale lavorare per garantire pagamenti elettronici più sicuri, più veloci, con commissioni più basse e accessibili a tutti, al fine di rimuovere tutti gli ostacoli che possano scoraggiare dall’utilizzo dei mezzi di pagamento avanzati”, commenta Roberto Scorzoni, responsabile di Minsait Payments in Italia.

News dal Network

Promo