Scuola: Uil Basilicata, ”sconvolgenti i dati su aumento del precariato”

41 Visite

Negli ultimi otto anni in Basilicata i docenti a tempo determinato sono quasi raddoppiati, passando da 737 a 1624, e sono notevolmente aumentati anche gli insegnanti di sostegno non di ruolo, passando da 72 precari nel 2015 ai 565 dello scorso anno scolastico. Sono i dati della Uil scuola Basilicata che definisce ””numeri sconvolgenti”” le statistiche della Uil per la regione lucana. «La situazione più critica – ha riferito il segretario generale Uil Scuola Rua Basilicata Luigi Veltri – riguarda Potenza, dove gli insegnanti non di ruolo sono 1096 contro i 186 di 8 anni fa. Qui si verifica in modo più eclatante quello che, in verità, accade nel resto della regione”».

Per il sostegno, «”i nostri dati – ha sottolineato il sindacalista – ci dicono che i docenti di sostegno precari passano dai 72 del 2015 ai 565 del 2023, a fronte comunque delle innumerevoli certificazioni di disabilità, che ogni anno aumentano in Basilicata””. Secondo la Uil Basilicata, che ribadisce le proposte fatte a livello nazionale, per i docenti ””l”ultimo concorso del Ministero purtroppo non sarà di aiuto – ha detto – non servirà ad invertire la tendenza. Da parte del Governo non ci sono stati investimenti da questo punto di vista e il turn over dei concorsi di certo non ha garantito la stabilizzazione dei precari e questo ha portato a un eccessivo utilizzo del personale a tempo determinato, con ripercussioni negative sulla stabilità del lavoro e sulla qualità dell”istruzione».

Inoltre per il personale Ata, i supplenti aumentano dal 11 al 24,10 per cento. ””Collaboratori scolastici, addetti nelle segreterie, assistenti tecnici e figure specializzate, che dovrebbero garantire apertura, sorveglianza e l”ordinaria amministrazione della scuola – ha spiegato ancora Veltri – si sono ridotti passando da 2507 addetti del 2015 a 2311 del 2023. Con una crescita, di contro, del personale supplente di ben 379 unità””.

News dal Network

Promo