Basilicata: cinghiali in città e su strade, vertice in Prefettura a Matera

41 Visite

La Prefettura di Matera ha riunito i rappresentanti degli enti locali per fare il punto sul contenimento della specie del cinghiali, per l’aumento della popolazione con maggiore frequenza di avvistamenti nelle città e sulla viabilità. L’incontro è stato convocato dal prefetto Cristina Favilli accogliendo l’appello lanciato dal sindaco Domenico Bennardi che lamenta le incursioni degli ungulati nei parchi cittadini, particolarmente nel rione Serra Venerdì. Inoltre si ripetono le segnalazioni di incidenti stradali provocati da attraversamenti di cinghiali, l’ultimo avvenuto ieri a Policoro.

L’assessore regionale all’ambiente, Cosimo Latronico, ha fatto il punto sul piano di contenimento che è stato varato in attuazione delle misure di eradicazione della peste suina africana. Secondo il censimento, nel perimetro del Parco della murgia materana sono 5.000 i capi presenti mentre sono 9.600 negli ambiti territoriali di caccia della provincia di Matera. Quanto alle catture, l’anno scorso nelle aree protette lucane sono stati 1.945 i capi prelevati (150 esemplari nella zona di restrizione 1 della peste suina africana e 1795 nella zona indenne).

«Queste azioni non risultano sufficienti – ha ribadito l’assessore – la Basilicata ha condizioni straordinarie per le quali dobbiamo mettere in campo soluzioni straordinarie. Stiamo lavorando da tempo con l’ufficio Parchi per cercare di dare impulso alle azioni di controllo della specie cinghiale nell’alveo del nuovo quadro normativo nazionale e regionale».

News dal Network

Promo