Orario ridotto, a Potenza la protesta dei vigili del fuoco

43 Visite

Hanno espresso un secco “no” alla riduzione d’orario di lavoro da 24 a 12 ore per “una sede che è disagiata, ma non considerata tale dal Ministero” i vigili del fuoco di Potenza, rappresentati dalla Fns Cisl, che stamani hanno fatto un presidio sotto la sede della Prefettura a Potenza.

   «Con un decreto del capo dipartimento di marzo del 2023 – ha spiegato il segretario nazionale della Fns Cisl, Massimo Vespia – sono stati individuati i distaccamenti disagiati e modificati gli orari di servizio, ma da questa elencazione sono state escluse le sedi di Lauria, Marsicovetere, Pescopagano e Palazzo San Gervasio, in provincia di Potenza».

In pratica, è stato spiegato, “restringendo il proprio orario di lavoro a 12 ore, i vigili del fuoco delle sedi citate non hanno la possibilità di rientrare a casa, visti i disagi infrastrutturali della Basilicata, l’impossibilità di avere a disposizione la ferrovia in quei luoghi, nè tantomeno autobus di linea”.

    «A quelle quattro sedi, aggiungiamo quella di Melfi – ha aggiunto il segretario regionale Fns Cisl, Gianfranco Salbini – che nonostante abbia la stazione e un numero di abitanti tale da essere considerata ‘disagiata’ non dispone di treni in orari corrispondenti ai turni di 12 ore». (ansa)

News dal Network

Promo