L’Ocse sull’Italia

38 Visite

 

Come da queste colonne abbiamo già riportato, nel recentissimo Economic Survey sull’Italia, l’Ocse ci dice cosa dobbiamo fare scendendo in dettagli significativi. Ci consigliano di aumentare le tasse sulla proprietà e sulle eredità per garantire flussi crescenti di danaro per finanziare la spesa pubblica. Ricordiamo che la spesa pubblica serve per la sua massima parte a pagare stipendi (e relative tasse) dei dipendenti pubblici; secondariamente serve per pagare gli interessi (e relative tasse) ai detentori di titoli pubblici che sono per lo più banche; infine le pensioni (e relative tasse) per chi ha versato contributi che però si sono volatilizzati nei decenni. Cioè secondo loro dobbiamo mettere nuove tasse per pagare quanto già paghiamo e le relative tasse!

 

È piuttosto offensivo che una organizzazione internazionale dica (senza che vi sia alcuna richiesta) ad uno stato sovrano (con un governo che deve rispondere solo agli elettori) cosa deve fare. Questa ingerenza deve essere riconosciuta come tale e rimandata al mittente senza indugi. Ma v’è di più: la somiglianza di questo programma a quello del nostrano PD (infatti è apparentemente copiato dalle esternazioni dei nostri politicanti di sinistra) aggrava di molto quanto detto al punto precedente ma fa sorgere un dubbio: il PD è alle dipendenze dell’OCSE? Cioè non è portatore degli interessi e visioni dei suoi elettori ma di quelli degli stranieri? Se si, come si può fare ad evitare che le ingerenze di interessi stranieri penetrino così profondamente e minacciosamente nelle nostre istituzioni? Inoltre la proprietà in Italia -specie immobiliare- è già iper tassata, e più volte, inducendo gli italiani ad escogitare i più vari espedienti per scansarla? Perché, dopo avere strapagato (perché stratassato) la propria proprietà in vita (per avere la colpa e il torto di possedere un bene), se ne deve pagare una tassa una ulteriore volta nientemeno che DOPO MORTO?

 

Come regola generale è da ricordare che perseguitare la proprietà e in generale coloro che creano ricchezza e che potrebbero dare lavoro è l’operazione più sbagliata possibile se è vero che si vuole diffondere benessere e tonificare gli stipendi. Non è credibile che gli “esperti” dell’OCSE non lo sappiano; quindi come mai sostengono una cosa scopertamente dannosa? Quale è il loro vero obiettivo? Perché alcuni italiani, specie i politicanti, che asseriscono di non essere ignoranti, abboccano? Far credere alla nostra opinione pubblica, influenzandola, che questo è l’interesse della popolazione italiana è una specie di induzione al suicidio della nostra economia; non è credibile che non lo sappiano.

 

Noi italiani invece sappiamo che lo stato che spende e spande è “il” problema, non certo le imprese che lo finanziano con le tasse. E questo è di solare evidenza in ogni parte del mondo. Serve uno stato leggero, snello e funzionante non un elefante che si occupa malamente di tutto e di tutti e poi si trova nelle condizioni di dover perseguitare tutti per quadrare i conti.

 

Infine si impongono alcune domande:

 

Come mai l’OCSE non si è accorta che l’Italia secondo produttore europeo di petrolio non è riuscita a ripagare il proprio debito -almeno in parte- con quella risorsa? Anziché immaginare a proporre tasse e tasse?

Come mai l’Italia ha perso i maggiori contribuenti (le imprese più grandi e nostro fiore all’occhiello) che se la sono data a gambe per evitare di subire le angheria fiscali italiane lasciando a contadini e ristoratori, bottegai e professionisti il compito di pagare il debito costruito con la fattiva collaborazione proprio di quelle imprese maggiori che sono scappate nei paradisi fiscali?

Forse all’OCSE come a sinistra pensano che le uniche regole valide di economia siano le loro?

Questo non è il primo esempio di ingerenza anche pesante negli affari interni italiani e di molti altri stati del mondo. Probabilmente esistono altri sistemi di ingerenza meno scoperta che pongono una questione di regole di convivenza di immediata necessità.

 

CANIO TRIONE

News dal Network

Promo