Cantieri Rfi: a Potenza siglati due protocolli di legalità

33 Visite

 “La necessità di attenzionare i flussi di manodopera utilizzata sui cantieri Rfi spiega la ragione della estensione dei Protocolli di legalità alle parti sociali ed alla locale Direzione dell’Ispettorato territoriale del Lavoro, firmatarie odierne”.

Così – secondo quanto reso noto in un comunicato – il prefetto di Potenza, Michele Campanaro, riferendosi alla sottoscrizione dei Protocolli di legalità relativi alla “Realizzazione del Progetto Battipaglia-Potenza-Metaponto-Taranto” ed alla “Realizzazione dell’intervento di velocizzazione Battipaglia-Potenza”.

    I due Accordi, già siglati nei giorni scorsi dai Prefetti di Salerno, Potenza, Matera e Taranto e dal Responsabile della Direzione Investimenti di Rfi – Rete Ferroviaria Italiana (società capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo Fs Italiane) “si inseriscono – è scritto nel comunicato diffuso dalla Prefettura potentina – nell’ambito delle iniziative dirette al potenziamento delle infrastrutture prioritarie del Paese e mirano a prevenire e contrastare i tentativi di infiltrazione della criminalità nella realizzazione dell’opera pubblica”.

    I documenti “disegnano, infatti, in aggiunta agli standard richiesti dalla normativa, un articolato e robusto sistema di monitoraggio, vigilanza e controllo che riguarderà tutta la filiera delle imprese affidatarie dei lavori e si collocherà nella fase esecutiva dei contratti che, nella gran parte dei casi, risulta essere quella maggiormente esposta ai rischi di condizionamento della criminalità organizzata”.

    Campanaro ha inoltre evidenziato che “completando oggi la fase di sottoscrizione, innalziamo ulteriormente il livello di efficacia della prevenzione amministrativa antimafia, prevedendo ulteriori e più ampie forme di verifica, di monitoraggio e di controllo per contrastare il pericolo di infiltrazioni criminali nella realizzazione dell’opera pubblica, preservando la parte sana della economia lucana”.

News dal Network

Promo