Violenza donne, “posto occupato” nella sala consiliare di Potenza

66 Visite

La consigliera di parità della Provincia di Potenza, Simona Bonito e l’amministrazione provinciale tutta aderiscono al progetto Posto Occupato, un’iniziativa di sensibilizzazione per stigmatizzare l’assenza delle donne che hanno perso la vita, vittime di femminicidio.

«È di poche ore fa – spiega una nota dell’ente – la notizia dell’ennesimo ed efferato femmincidio di una giovane donna incinta e che lascia un figlio di solo quattro anni. Nonostante le denuncia per stalking, oggi quel posto vuoto, putroppo, è anche per lei e per il figlio che non vedrà mai la luce. Un posto che sarà riservato per sempre ad una donna che avrebbe voluto, potuto e dovuto essere lì: sarà un segno, un monito silenzioso”. La sedia, realizzata da MSD Design, è stata installata questa mattina nella sala consiliare della Provincia di Potenza, in occasione del rinnovo del consiglio provinciale».

«Un monito – prosegue la nota – per tutti i rappresentanti delle istituzioni a fare di più, ad alimentare quella coscienza collettiva che non può e non deve voltarsi dall’altra parte. Occorre l’impegno di tutti e tutte affinchè tutti i posti vuoti, domani possano essere occupati da donne vive e libere».

«La questione della presenza delle donne nelle istituzioni va oltre la semplice quota numerica. È fondamentale – si legge ancora – creare un ambiente che promuova l’uguaglianza di opportunità e affronti le sfide e le discriminazioni che le donne subiscono nella loro partecipazione alle istituzioni».

News dal Network

Promo