Smart Paper, certificazione italiana per la parità di genere

62 Visite

Smart Paper, società di Minsait (gruppo Indra), ha ottenuto la certificazione italiana per la parità di genere.

In un comunicato è evidenziato che “l’azienda lucana conferma, così, il suo impegno nel riconoscere e promuovere l’uguaglianza, l’inclusione e la diversità come pilastri strategici per lo sviluppo del talento dei propri collaboratori e per la crescita aziendale”.

    Tra le misure e le iniziative previste dal piano strategico sulla gender equality di Smart Paper “emergono l’utilizzo di un linguaggio inclusivo nelle comunicazioni; il modello di accesso e sviluppo di carriera basato su criteri meritocratici e non discriminatori; la formazione su tematiche di diversity & inclusion; i servizi a supporto della genitorialità; e le misure che facilitano la conciliazione, tra cui spicca un modello di smart working, ormai operativo da anni, che garantisce flessibilità e conciliazione casa-lavoro”.

    L’ad di Smart Paper, Luigi Borrelli ha messo in evidenza che “la Gender Equality è un valore imprescindibile per Smart Paper e per tutte le aziende che fanno capo al gruppo Indra.

Un imperativo civile che abbracciamo con passione e convinzione da sempre. Insieme alle nostre colleghe e ai nostri colleghi ci impegniamo, infatti, affinché ogni donna possa realizzare le proprie aspirazioni lavorative conciliandole con quelle familiari”.

    Nel comunicato è inoltre ricordato che “La certificazione nazionale viene rilasciata da enti certificatori accreditati da Accredia. Smart Paper è stata certificata da Rina Services Spa presente in 70 Paesi nel mondo con più di 200 uffici e laboratori e una rete operativa di oltre 5.300 dipendenti”.

    “In linea con i nostri valori aziendali – ha aggiunto Borrelli – questo riconoscimento rappresenta un nuovo tassello verso quella responsabilità sociale d’impresa che perseguiamo con dedizione e determinazione. Perché crediamo che il nostro successo è strettamente legato allo sviluppo economico e al progresso sociale delle comunità e dei territori in cui operiamo”, ha concluso.

(fonte e foto: ansa)

News dal Network

Promo