Turismo, anno record per Matera. Fino a novembre introiti maggiori dalla tassa di soggiorno

49 Visite

Sta per concludersi un anno da record, in termini di presenze turistiche nella città dei Sassi. A confermarlo è il dato, ancora parziale ma già molto indicativo, dell’introito della tassa di soggiorno, che al 30 novembre si attesta su un milione e 689mila euro. Cifra che già oggi, al netto del boom previsto per il mese di dicembre, fa segnare un +95mila euro sull’intero “anno d’oro” 2019, con il record certo per il mese di novembre, tradizionalmente meno produttivo, che quest’anno ha fatto registrare un introito di 170mila euro. La previsione di dicembre, con il 90% delle strutture alberghiere già prenotate e l’arrivo di almeno 40mila visitatori per il solo Presepe Vivente, si attesta su una cifra pari almeno al doppio di novembre. «Sono numeri importanti -commentano il sindaco Domenico Bennardi e l’assessore al Turismo Tiziana D’Oppido- evidente risultato di un attento lavoro di squadra con gli operatori turistici e l’Agenzia di promozione territoriale della Basilicata (Apt). L’Amministrazione comunale sta lavorando innanzitutto sul fronte della programmazione, rispetto alla quale siamo riusciti ad anticipare i tempi per la maggior parte dei grandi eventi ormai storicizzati in città. Sull’organizzazione e la gestione del Presepe Vivente, ad esempio, il lavoro è iniziato già 14 marzo scorso con la prima delibera di Giunta di sostegno alla manifestazione, seguita da una serie di Conferenze di servizi fino a quella decisiva di ottobre. Una programmazione, che ha consentito all’organizzatore di sponsorizzare meglio l’evento, attirando molti più visitatori con un ritorno economico e di immagine anche per il Comune, come avvenuto per i mercatini di Natale. La stessa strategia è stata adottata per il Bando eventi, con finestre temporali già cadenzate fino al 2025 e la possibilità di aderire sia per gli storici e consolidati, che per quelli nuovi. Sul turismo si può ancora fare tanto e meglio -conclude il sindaco- anche grazie ai fondi della tassa di soggiorno. Sarà una delle prossime sfide per l’anno 2024, quando altri importanti eventi, come il G7 delle pari opportunità o la ricorrenza di Matera città di Maria in autunno, dopo il Carnevale e la Pasqua, ci daranno l’occasione di migliorare l’offerta turistica fino al prossimo Natale».

News dal Network

Promo